Brandforum.it

l'osservatorio italiano sul branding
facebook twitter Follow Me on Pinterest RSS
News
02-07-2018

LEGO diventa più #green: mattoncini sostenibili

La sostenibilità entra nella produzione di casa LEGO: da quest'anno alcuni mattoncini del celebre brand sono realizzati con plastica di origine vegetale. In particolare, i componenti botanici come le foglie, i cespugli e gli alberi sono ottenuti dalla lavorazione di un materiale particolare, attraverso un processo che utilizza la canna da zucchero.

 

(Ph. LEGO)

 

I nuovi mattoncini sostenibili sono infatti di polietilene, una plastica morbida, resistente e flessibile che, nonostante l'origine vegetale, è identica nelle prestazioni ai componenti tradizionali. La scelta di applicare questo materiale a solo alcuni dei componenti a catalogo è stata portata avanti dal brand per essere certi che vengano rispettati gli standard di sicurezza e qualità fissati dal Gruppo.

 

 

Si tratta di un'operazione legata agli obiettivi di Corporate Social Responsibility che il brand LEGO si è proposto di raggiungere entro il 2030: creare elementi e materiali di imballaggio interamente realizzati in materiale sostenibile. "L'obiettivo del Gruppo è quello di avere un impatto positivo sul pianeta, e stiamo lavorando molto per sviluppare nuove materie sostenibili da utilizzare per la realizzazione di fantastici giochi per bambini", afferma Tim Brooks, Vice Presidente e Responsabile della Sostenibilità Ambientale - Gruppo LEGO. "Siamo orgogliosi perché si tratta di un primo grande cambiamento e passo avanti verso il nostro obiettivo: produrre mattoncini utilizzando materie sostenibili".

 

 

L'approccio verso la CSR in casa LEGO rappresenta da molti anni un modello virtuoso di azienda multinazionale, fondata più di 80 anni fa, attenta ai diritti e alla sicurezza dei propri lavoratori, alla creazione di un ambiente lavorativo sereno e umano, all’integrazione con le comunità locali dove operano le proprie fabbriche e, non da ultimo, alla preservazione dell’ambiente.

 

 

Un approccio da Slow Factory che vede il brand abbracciare la collaborazione con il WWF per sostenere e creare la domanda di mercato per una plastica ricavata da fonti sostenibili. Inoltre, LEGO ha aderito alla Bioplastic Feedstock Alliance (Bfa), iniziativa WWF per garantire l'approvvigionamento sostenibile della materia prima all'industria delle bioplastiche. La plastica di origine vegetale utilizzata nella realizzazione degli elementi botanici LEGO è certificata dalla normativa della Catena di Custodia dell'associazione no-profit Bonsucro per un uso responsabile della canna da zucchero.