Brandforum.it

l'osservatorio italiano sul branding
facebook twitter Follow Me on Pinterest RSS
Papers
Brand in Italy 23-04-2018

Il Gruppo CRAI chiude il 2017 a +5% e lancia Crai Spesa Online

Letto 672 volte

Daniela Compassi, Redattore Senior Brandforum.it
daniela.compassi@brandforum.it

Si è tenuta giovedì 19 aprile la confernza stampa di presentazione del bilancio CRAI 2017 e i progetti per il 2018.

 

CRAI, storico gruppo della distribuzione moderna attivo in Italia da più di quarant'anni nel settore della multicanalità Food & Drug, continua a crescere. In un mercato molto competitivo e con uno scenario economico molto incerto, il Gruppo CRAI cresce del 5% a rete corrente e registra un 2017 molto positivo. Valore ancor più significativo se si considera che si tratta di una crescita costante da 10 anni a questa parte.

 

CRAI conta oggi oltre 3400 negozi distribuiti in tutta Italia, guidati da oltre un migliaio di imprenditori ben radicati sul territorio. La conversione ai nuovi format proposti dalla Centrale è uno dei tanti motivi del consolidamento del successo di CRAI: è infatti in corso l’adeguamento dei punti vendita di ultra-prossimità in Cuor di CRAI e l’apertura delle grandi superfici CRAI Extra, anche queste a 30 punti vendita. Anche l’insegna Pellicano, acquisita nel 2016 dal Gruppo è ormai attiva con 54 negozi presenti soprattutto al sud.

 

Il 2018 per CRAI è l’anno dell’inaugurazione dell’e-commerce, progetto realizzato con la collaborazione del Politecnico di Milano partner scelto da CRAI per l’analisi e la progettazione del sistema di spesa online. “L’e-commerce di prossimità è un nuovo canale per CRAI ma non certo un nuovo modo di relazionarsi al cliente” - afferma Marco Bordoli, Amministratore Delegato Crai - “Vogliamo portare CRAI a innovare sempre di più, senza snaturare la nostra mission di relazione e contatto con il territorio. L’e-commerce Crai di prossimità rappresenta una leva ulteriore che offriamo ai nostri clienti. E’ una leva strategica, ed a supporto di questo per esempio quest’anno abbiamo assunto 8 giovani specializzati proprio in vendite e progetti online ”.

 

Il progetto e-commerce è stato concepito nel 2017 e dopo una fase di creazione della struttura e messa a punto dei sistemi è concretamente partito a gennaio 2018. Ad oggi si contano 41 punti vendita attivi e l’obiettivo è di averne 250 a fine anno. Al momento sono sei le Regioni coinvolte (Calabria, Campania, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Sardegna e Veneto). I dati raccolti ad ora sui punti vendita attivi mostrano che sono soprattutto donne ad usare il servizio craispesaonline, che il 37% dei clienti lo utilizza da mobile e che lo scontrino medio si attesta a 46 euro.

 

“Il 2017 ha nuovamente premiato il nostro impegno – afferma Marco Bordoli, Amministratore Delegato CRAI Secom -. Ora la sfida per il 2018 è continuare a puntare sulla qualità del nostro servizio, sia dal punto di vista di relazione con il cliente che di format dei negozi. L’investimento sul canale e-commerce, la qualità dei nostri fornitori e partner e l’ampliamento dell’organico della Centrale con nuove competenze va esattamente in questa direzione. La finalità rimane sempre quella di apportare valore ai Cedi, ai punti di vendita e ai clienti finali”.

 

"Per la realizzazione di progetto e-commerce è stato stanziato un budget annuale di circa un milione di euro per la comunicazione". Ha spiegato Mario La Viola, direttore Marketing, Format, Rete e Sviluppo di Crai Secom. Obiettivo delle attività di comunicazione sarà rafforzare il concetto di prossimità, promuovere la conoscenza del brand e i vantaggi dell’acquisto online.

 

La strategia si focalizzerà sui territori direttamente coinvolti con affissioni e passaggi adv sulle radio locali oltre alla presenza di materiale informativo nei diversi punti vendita. E' stata confermata anche per il 2018 la stategia digital messa in atto negli utlimi mesi e che ha visto crescere attivamente le pagine social del Gruppo e la divertente web series Casa CRAI con protagonisti la premiata ditta. Complessivamente il budget previsto per la comunicazione è in crescita e si attesta intorno ai 3 milioni di euro.

 

"Torneremo in TV in modo continuativo da settembre a dicembre, ma non escludiamo passaggi televisivi in occasioni particolari come per esempio i Mondiali di Calcio. In più saremo sponsor, dei Mondiali di Pallavolo che si terranno ad ottobre a Torino, rimarcando così la nostra affezione con il mondo del volley”, ha concluso il manager.