Chiquita

La storia di Chiquita, azienda leader mondiale nel settore delle banane, inizia nel 1870, quando il capitano Lorenzo Dow Baker salpa con il peschereccio Telegraph dalla Giamaica verso Jersey City con un carico di 160 caschi di banane, limitandosi a sistemarle sul ponte in attesa di venti favorevoli. La fortuna lo bacia e giunge nel New Jersey 11 giorni dopo, dove riesce a vendere il carico con un profitto di 2 dollari a casco.

Nel 1885 il capitano Baker avvia una partnership con Andrew Preston e altri investitori, denominata Boston Fruit Company. È il modesto inizio del fenomeno globale oggi conosciuto come Chiquita Brands International. Nel 1899 nasce la United Fruit Company, frutto della fusione tra la Boston Fruit Company e la società ferroviaria Minor C. Keith, che aveva piantato banani lungo i suoi binari. Le navi della compagnia vengono dipinte di bianco per riflettere il sole tropicale e mantenere la temperatura ottimale per le banane: da qui il nome “La Grande Flotta Bianca” (“Great White Fleet”).

Nel 1944 nasce Miss Chiquita che, con la sua personalità festosa e divertente, dispensa consigli e informazioni sulle banane, insegna ai consumatori il loro grande valore nutrizionale e il modo per farle maturare. Disegnata dal fumettista Dik Browne, Miss Chiquita diventa il volto amichevole delle banane Chiquita: è una grande celebrità, un testimonial che appare come ospite nei principali programmi radiofonici. Nei suoi primi anni di vita Miss Chiquita raggiunge la fama nel settore ortofrutticolo come banana animata.

Nello stesso anno in cui viene creata Miss Chiquita, nasce anche il jingle della banana Chiquita, che va in onda per la prima volta quando Miss Chiquita fa il suo debutto. Il jingle, oltre ad essere molto orecchiabile, ha anche lo scopo di insegnare agli americani come far maturare e consumare le banane, che all’epoca erano considerate un frutto tropicale esotico.

Fino al 1987, Miss Chiquita era sempre stata raffigurata come una banana, ma in quell’anno l’artista Oscar Grillo, creatore della Pantera Rosa, la trasforma in una donna. Il cambiamento riflette l’immagine affettuosa che il pubblico ha di Miss Chiquita come persona reale.

Nel 1947 nasce il bollino di Chiquita, dove Miss Chiquita fa la sua comparsa, che è tutt’oggi l’elemento identificativo del brand.

Il primo bollino di Chiquita, però, non era affatto blu: era bianco con uno spesso bordo nero e presentava al suo interno una Miss Chiquita a colori. Sul bordo erano impresse le scritte “Chiquita®Banana” nella parte superiore e, nella parte inferiore, “©1947 United Fruit Company®”.

Negli anni Sessanta, invece, il bollino assume il suo iconico colore blu: nasce così il "Bollino Blu", che presenta una stilizzazione di Miss Chiquita, posta al di sopra del nome del brand. Il logo ha subito qualche leggera modifica fino ad arrivare al logo odierno, dove Miss Chiquita, nella sua forma umanizzata, è di colore giallo su sfondo blu, posta sopra al nome dell’azienda di colore bianco: il tutto è racchiuso da un contorno giallo, colore-simbolo delle banane.

Sebbene si avvicini ai 150 anni, il cuore dell’azienda rimane giovane. Oggi Chiquita prosegue per la sua strada, ma con una visione rinnovata: punta a una crescita sostenibile attraverso il rinnovamento delle aziende agricole, il rafforzamento della base commerciale, il miglioramento degli impianti di imballaggio, l’acquisizione del controllo della logistica e delle spedizioni e, non da ultimo, il rilancio attraverso un nuovo posizionamento del brand. Per maggiori informazioni, rimandiamo alla storia del brand sul sito ufficiale.

---
Si ringrazia Giorgia Bresciani, studentessa della Facoltà di Scienze Linguistiche dell'Università Cattolica di Milano,  per aver collaborato alla ricerca delle informazioni e alla composizione di questa LOGO TALE.

Scopri altre storie...