I travel influencer italiani: chi sono i migliori sui social?
Slow Brand
I travel influencer italiani: chi sono i migliori sui social?
05 Settembre 2019

TURISMO

La classifica di Blogmeter sui Top 10 travel influencer in Italia.

Scorrendo nel feed dei principali canali social, da Instagram a Facebook fino a Twitter e YouTube, spesso siamo invasi - tra post, video e stories - da istantanee che ritraggono la quotidianità dei "famosi".  Sorge quindi spontaneo il quesito se si possa davvero vivere facendo l’influencer.

 

In base alle stime dell’ultimo report dell’ONIM – Osservatorio Nazionale di influencer Marketing, solo il 17% di chi esercita l’attività di digital influencing riesce a mantenersi con questo lavoro. Ad oggi, la maggior degli influencer in Italia rientra prevalentemente nelle categorie fashion, lifestyle o travel. Se delle prime due si parla molto spesso, citando nomi quali Chiara Ferragni o Chiara Biasi, la terza pare essere quella meno conosciuta.

 

Blogmeter ha indagato meglio questa categoria e utilizzando i dati provenienti dalla sua Suite integrata, ha redatto una classifica con i 10 travel influencer italiani che più coinvolgono i propri fan sui social. Molti di loro sono stati in grado di trasformare la passione per i viaggi in una professione vera e propria.

 

(Ph. Blogmeter)

 

 

Prendendo come riferimento temporale il periodo 1° maggio – 31 luglio 2019, sono stati analizzati i profili Facebook, Instagram (solo profili business), Twitter e YouTube dei principali travel blogger italiani ed è stata creata una classifica ordinata per total engagement.

 


Il primo posto spetta a Mattia Miraglio: giovane piemontese che ha trascorso gli ultimi cinque anni della sua vita in viaggio per completare il giro del mondo a piedi. Mattia ha totalizzato un engagement di oltre 1,5 milioni principalmente grazie al suo canale YouTube, dove ha pubblicato i video dei suoi anni in viaggio per permettere ai suoi follower di seguirlo in questa impresa.

 


Seconda posizione per Marco Togni, blogger-youtuber dal 2006, anno in cui inizia a pubblicare video dedicati al Giappone. A seguito del suo trasferimento proprio in questo paese, Marco crea GiappoTour in collaborazione con Blueberry Travel, un portale che propone viaggi organizzati in Giappone, senza però mettere da parte la sua passione per la condivisione sui social. Nel trimestre preso in analisi da Blogmeter, sono 1,1 milioni le interazioni ottenute dal travel blogger, che conta 315mila follower divisi sui suoi canali social.

 


Terzo in classifica è Francesco Galati, meglio conosciuto come Il Signor Franz, che conquista il podio grazie a un engagement di 776 mila interazioni. Anche Francesco, come Marco Togni, collabora con il tour operator Blueberry Travel oltre che con diversi brand ed enti del turismo che spesso cita nei suoi post Instagram. 

 

Dal quarto al decimo posto si classificano nell’ordine: Stefano Tiozzo, Alessandro Marras, The Cutielicious (Federica Di Nardo), Human Safari (Nicolò Balini), The Globbers (Luca Pezzolo e Ale Zorzin), Vagamondo (Carlo Taglia) e Pensieri in viaggio (Manuela Vitulli).

 

 

Molti di questi influencer collaborano e sponsorizzano, in modo più o meno spontaneo, brand che operano nel settore turistico, come compagnie aeree (Qatar Airways, Air Italy, Neos Air), enti turistici italiani o europei (Sudtirolo, Svizzera, Rimini, Carrara, Bruxelles) e aziende specializzate in viaggi (Alpitour, Booking.com) per citarne alcuni.

 

Inoltre, per essere influencer a tutti gli effetti, non mancano di fare citazioni a marchi di abbigliamento (Navigare, Antony Morato, Havaianas, Foot Locker) o a prodotti tecnologici (Canon, Nikon, Oppo) legati all'universo travel.
 

A cura di

Redazione Brandforum.it

Ti potrebbe interessare anche...

Si è conclusa con successo la quinta edizione dello Slow Brand Festival. Se non siete riusciti a partecipare, ecco qua un dettagliato resoconto dell'evento!

La quinta edizione dello Slow Brand Festival ospiterà tre panel, il cui obiettivo sarà far emergere le best practice di alcuni brand: non solo una conferenza, ma una occasione reale per diffondere le strategie di gestione slow delle dinamiche aziendali. Venite a scoprire chi sono i vincitori del titolo Slow Boss del 2019 e Slow Boss del Futuro!