Brandforum.it

l'osservatorio italiano sul branding
facebook twitter Follow Me on Pinterest RSS
Papers
Slow Brand 14-04-2016

Slow Brand Festival needs YOU!

Letto 2977 volte

Redazione di Brandforum.it
info@brandforum.it

In perfetto stile slow, abbracciamo l’idea che per raggiungere traguardi “alti e importanti” le cose vadano fatte insieme. E’ per questo che vogliamo promuovere il concetto di “cultura diffusa e condivisa”, ingaggiando in primis la community del nostro Osservatorio.
In che modo? Interpellandovi in prima persona per capire quali sono a vostro parere gli Slow Brand presenti sul nostro territorio e, novità della II edizione di Slow Brand Festival, aiutarci a scovare gli Slow Boss (http://brandforum.it/papers/1443/w-le-organizzazioni-lente-e-gli-slowboss).

 

 

Due i form che vi chiediamo di completare rubando qualche minuto del vostro prezioso tempo, tra un impegno e l’altro, in modo completamente anonimo.

 


Il primo riguarda le nomination per il migliore "Slow Boss": potranno partecipare sia aziende B2B o B2C sia i loro dipendenti e candidare il proprio "boss".


Un “capo” Slow è quella figura che a vario titolo in azienda, e non solo, ha il coraggio di rallentare a livello organizzativo (ciò non vuol dire né fermarsi né non essere in grado di stare al passo con il cambiamento), promuove tra i suoi dipendenti una modalità di lavoro più a misura d’uomo, così da permettere loro di avere più tempo, per far meglio (e non meno!) le cose.

 


Esempi pratici? Riduzione dell’orario settimanale di lavoro per garantire un clima felice in azienda; istituzione di programmi di affiancamento per le donne che rientrano dalla maternità o bonus per i neo papà; rimborsi ai dipendenti per le spese di cinema, libri e musei; inserimento di momenti (e spazi) ludici e di svago in azienda…
In estrema sintesi, un “capo gentile” che si prende cura dei propri dipendenti e li considera delle persone (più  che lavoratori), che li sappia ascoltare e che sia in grado quindi di creare forme di “leadership illuminanti”.

 


Dove sono questi “capi gentili”? Aiutateci a trovarli! Ecco il link al form: http://www.surveygizmo.com/s3/2709592/Slow-Brand-Festival-2016-SBF016-Slow-Boss

 


Il secondo form, riguarda invece la possibilità di candidare la vostra Azienda o i progetti della vostra Agenzia di Comunicazione come case histories di Slow Brand Communication; oppure ancora segnalandoci quelle realtà aziendali che conoscete e che scelgono di essere Slow in relazione alle loro attività di comunicazione.

 


Sono due gli aspetti da considerare per la categoria Slow Communication: da un lato le attività di comunicazione esterna, sia on sia off line (per esempio attraverso spot creativi di qualità, approfondimenti o video lunghi per il web, punti vendita esperienziali che non hanno come fine ultimo solo la vendita ma che mirano a trattenere il consumatore al loro interno), dall’altro le attività di comunicazione interna (per esempio attività per i dipendenti che promuovano la “work-life balance”, oppure la trasformazione dalla sede aziendale in piattaforma relazionale per instaurare un rapporto unico e più duraturo con i collaboratori interni). 

 


Per partecipare e farci sentire la vostra voce su questa tematica: http://www.surveygizmo.com/s3/2709646/Slow-Brand-Festival-2016-SBF016-Slow-Communication

 

Essendo un Festival Slow, abbiamo deciso di fare le cose con calma.. avrete infatti tempo fino al 13 maggio per inviarci le vostre nomination.

 

I casi in short list saranno poi presi in esame da una “giuria tecnica” selezionata tra accademici, esperti del settore e giornalisti, oltre che dalla redazione “senior” di Brandforum.

 

I vincitori saranno proclamati durante il prossimo Slow Brand Festival - #SBF016 (8 giugno, 14. 30 Villino storico – ALTIS – Università Cattolica, Via San Vittore 18 – Milano)

 

 

 

 

Ricordiamo che gli studenti “under 30”, appartenenti all’ambito accademico che vogliono contribuire alla ricerca delle nomination, possono scrivere ad alessandra.olietti@brandforum.it (nostro redattore senior e project manager dell’evento) per avere più informazioni sulle modalità di raccolta dei casi.